Mostra - Arte

respiciens eo

L'arte contemporanea entra nel museo di scultura medievale - Dall'Anatolia preistorica al Sant'Agostino di Genova

Logo evento



Quando: 9 aprile 2011 - 8 maggio 2011
Orario: da martedì a venerdì dalle 9 alle 19 ; sabato e domenica dalle 10 alle 19

Chiusura: lunedì
Dove:Museo di Sant' Agostino

Su internet: www.sagostino.museidigenova.it

Telefono: 010 2511263

Organizzatori:
Settore Musei/Museo di Sant'Agostino

Approfondimenti: Antonello Ruggieri, artista e archeologo, segna un percorso in dieci tappe nelle sale del Museo di Sant'Agostino di Genova. Le installazioni riguardano dipinti, disegni, fotografie, incisioni e sculture realizzate dal 2001 al 2011 fra la Turchia e l'Italia.
Le opere sono inserite anche in luoghi normalmente non aperti al pubblico come per esempio il campanile e il magazzino del museo.

La mostra è pensata come un sentiero che si dipana nel percorso museale.
L'origine della strada è all'ingresso del museo con un lavoro dedicato alla ‘Porta’, anche per facilitare la riflessione sul concetto di soglia del museo, quel momento di passaggio in cui gli oggetti perdono parte dei loro significati, a causa della decontestualizzazione, e ne acquisiscono altri, grazie al contesto nuovo in cui vengono collocate.
Il percorso si conclude nel punto più alto dell'edificio, il campanile medievale. Al posto della campana trova la sua collocazione ideale la scultura ‘Respiciens eo’ che riassume nel titolo il senso dell'intero evento.
Guardando indietro avanzo, è quasi un programma operativo che seguo ormai da molti anni’ ci racconta Ruggieri parlando del proprio lavoro artistico che trova spunti nella sua esperienza professionale di disegnatore archeologo.
Questa mostra si pone l'obiettivo di mettere in chiaro le modalità creative di Ruggieri e per certi aspetti può essere considerata didattica; attraverso ricche didascalie essa si rivolge infatti anche ad un pubblico ampio.
╚ un modo nuovo per vedere il museo di arte antica e insieme la ricerca artistica contemporanea, una passeggiata nello spazio-tempo che invita a fare proprio il motto ‘Respiciens eo’.



Allegati: invito respiciens eo  acrobat